Contenuto principale

Messaggio di avviso

P8070050 hpim03641  DSC00322 DSC00183 DSC00184

P7280019 NOTE BIOGRAFICHE

Savini Daniela, nata a Teramo nel 1975, ho vissuto fino a 19 anni (1993/4 -Diploma di Maturità artistica presso il Liceo Artistico Statale di Teramo) a Nerito di Crognaleto poi a Parma (1995) per frequentare il Corso di Laurea in Conservazione dei Beni Culturali fino al 2001, e poi residenza a San Giorgio di Mantova.
-Laurea in Conservazione dei Beni Culturali -Facoltà di Lettere e Filosofia, Parma.
-Diploma di Archivistica, Paleografia e Diplomatica conseguito presso l'Archivio di Stato di Mantova al termine del biennio 2005-2007.

Pubblicazioni:
estratto di tesi: "Gli ex voto: l'Ospedale Grande di Mantova", in "Civiltà Mantovana", anno XLII, n. 124 -settembre 2007, pp. 28-39, Il Bulino edizioni d'arte, Modena 2007.

- "L'Archivio Inciso" catalogo edito da Prinp- Editoria d'Arte 2.0, con presentazione del Direttore Luisa Onesta Tamassia e testo critico di Guido Signorini  ISBN 978-88-99743-02-4

- Libro d'Artista - n. 50 L'Archivio inciso, Stampato dalla Tipografia Lendinarese Editrice snc in 23 esemplari, su carta Modigliani Bianco da 120 gr. ideato e progettato nell’anno 2016 da Studio d’Arte GS - contiene tre incisioni

NON CREDO CHE LE NOTE BIOGRAFICHE POSSANO FAR CAPIRE CHI SONO, COME HA AFFERMATO LO SCRITTORE SPAGNOLO JAVIER MARìAS NOI SIAMO LE RISULTANZE DI QUELLO CHE ABBIAMO E NON ABBIAMO FATTO O CHE AVREMMO VOLUTO FARE E NON CI SIAMO RIUSCITI ecc.   è molto riduttivo scrivere i nostri titoli anche se alla nostra morte rimarranno solo questi e ciò che abbiamo fatto........

[Ho iniziato a dipingere da autodidatta a 16 anni nel 1991 durante la frequentazione del Liceo artistico ma esordisco pubblicamente nel 2008 con una personale presso la Galleria del Candelaio a Firenze. Ricordo diverse mostre: nel 2010 la collettiva "Presenze Assenze di Corpi" a cura di Sara Carbone e Mimmo di Marzio presso lo Spazio Taccori di Milano e la partecipazione alla Fiera di Reggio Emilia; nel 2011 1° premio acquisto a Calvisano e presenza alla Fiera di Reggio Emilia, la collettiva "Arte Giovane" presso la Galleria Arianna Sartori di Mantova; "Arte in Viaggio" a cura della Galleria Il Sagittario di Mantova e Pont-Aven di Suzzara (MN) nella Basilica di San Martino a Weingarten (D); "Ritratti AutoRitratti" a cura di Giorgio Berra e Ivano Taccori nello Spazio Taccori di Milano; la personale "Figure: l'uomo alla ricerca della sua identità" nello Spazio comunale di Affi (VR) con il patrocinio del Comune e poi riproposta nella Galleria il Sagittario di Mantova; nel 2012 la collettiva Salon D'Automne in Cina a Haynan; "Donne Dipingono Uomini-Uomini Dipingono Donne" a cura di Daniela Pronestì e Roberta Fiorini in Simultanea Spazi d'Arte di Firenze; "Women in the Arts 2012" a cura di Crisolart Galleries e MOA Museo of the Americas a Miami in Florida (USA); la Biennale Internationale d'Art Miniature,Galerie du Rift, Ville-Marie (Québec) Canada; sempre in questo periodo ho iniziato ad interessarmi all'incisione frequentando lo studio del pittore e incisore di Carpenedolo BS Angelo Boni; nel 2013 espone in due occasioni in Svezia "Landscape in Italian" Alvik e Virsbo, la Rassegna Arti e Mestieri di Suzzara e la piccola personale con Desiderati e Somensari presso la Galleria Arianna Sartori di Mantova; nel 2014 la personale a Mantova "L'uomo: un corpo, una coscienza, una vita" presso il  Museo Diocesano Francesco Gonzaga [opera in permanenza] con il patrocinio del Comune e le collettive Selezione Biennale di Roma presso il Museo Pier Maria Rossi di Berceto (Parma)(4° selezionata), Biennale Internationale d'Art Miniature, Galerie du Rift, Ville-Marie (Québec) Canada, la Rassegna “Arte in arti e mestieri” di Suzzara (MN), la Rassegna Cento anni di arte mantovana, a cura di Arianna Sartori presso la Casa Museo Sartori, Premio di incisione XXVIII Fibrenus- Sora e Stampa2 presso l'Atelier Controsegno Pozzuoli (Napoli) dopo aver conosciuto personalmente a Mantova Veronica Longo, invito che si è ripetuto per la Rassegna (biennale) Internazionale Incisioni al Femminile 2015 e 2017; nel 2015 la partecipazione Art Fair Bruxelles AAFB con la Galleria Javier Roman, Malaga (Spain), L'arte italiana dalla terra alla tavola, a cura di Arianna Sartori Editore, Casa Museo Sartori di Castel d'Ario (MN), la personale Digitale e la puntasecca. Alla ricerca del dato pittorico presso lo Spazio Feltrinelli -Mantova, la Rassegna “Arte in arti e mestieri” di Suzzara (MN) e la International Graphic Art Biennal Dry Point 2015 di Uzice -Serbia, la Biennale Internationale du Portrait (INTERBIFEP) della Galerie Internationale du Portrait di Tuzla -Bosna i Hercegovina [autoritratto in collezione], 1° Biennale incisione Premio giovani incisori "Giuseppe Maestri" -Bagnacavallo (Ravenna), selezione e Premio speciale Marchionni grafica 2016 e Biennale Internationale d'Art Miniature, Galerie du Rift, Ville-Marie (Québec) Canada, 1° Biennale de l'estampe -Musee du dessin e de l'estampe originale - Gravelines Francia, ne è seguito l'invito alla vendita di incisioni presso la Boutique del museo, Bucharest International Print Biennale 2016, la personale Ispirata dall'Archivio (fotografia) e L'Archivio Inciso presso L'Archivio di Stato di Mantova con la pubblicazione del libro catalogo edito da Prinp. Editoria d'Arte, il progetto Dry point for Rolwaling in collaborazione con l'Associazione Explora Nunnat International, la collaborazione dal 2015 con la Galleria Studio Guido Signorini, Lendinara RO ha portato alla creazione del libro d'artista L'archivio Inciso, la personale Solo puntasecca e successiva collettiva 6 artisti per una nuova figurazione;

per l'anno 2017 collettive di incisione in Romania, sul paesaggio alla Fondazione Benetton -Palazzo Bomben di Treviso; MIRROR Face To Face - Italian and Estonian Printmakers in exhibition; Incisioni al Femminile Pozzuoli - Napoli; mostre dell'ALI a Bologna ed al Museo di Arti e Mestieri di Pianoro

Le mie incisioni si trovano presso la Raccolta delle stampe Adalberto Sartori -MN, la Raccolta di stampe Antiche e Moderne di Cavaion Veronese (VR), del Museo della grafica di Vigonza (PD), Galerie du Rift, Ville-Marie (Québec) Canada, l’Archivio delle Stampe Contemporanee di Carnello -Sora, l'Atelier Controsegno di Veronica Longo, Pozzuoli -Napoli, la Galleria Guido Signorini (Lendinara- Rovigo), Gabinetto delle Stampe di Bagnacavallo -Ravenna e nella City gallery of Uzice -Serbia e Bucarest Brancovan Palaces Cultural Center.

socio dell'Associazione Incisori Contemporanei di Treviso e dell'ALI Associazione Liberi Incisori di Bologna.

Il mio lavoro è essenzialmente autobiografico, si possono trovare persone e luoghi reali legati a me dalla vita stessa e riproposti in maniera soggettiva per esporre i miei pensieri e riflettere il mio interesse e approfondimento della tematica esistenziale -  partendo dalla riflessione di Sartre sulla dicotomia esistenza e coscienza della condizione umana e sua inconciliabilità da cui scaturisce il dramma esistenziale, ad Helmuth Plessner uno dei fondatori dell'Antropologia filosofica contemporanea; secondo H. P.: l'uomo, lungi dall'essere una realtà distaccata dalla natura e dei vari gradi dell'organico che lo precedono nella scala evolutiva e lungi dall'esprimere un'opposizione fra spirito e vita, è costituito sia dal fisico sia dallo spirituale. L'identità umana è particolarmente complessa e si riconosce sia nel suo essere corpo sia nel suo essere nel corpo: ciò significa che l'io si riconosce appieno sia nella sua sfera fisica sia in quella psichica. L'uomo ha se stesso ed è se stesso. E' un corpo vivente che ha corpo inanimato, l'uomo non è solo un corpo, ma ha un corpo. Può porsi in una posizione eccentrica ma anche decentrarsi e divenire tra le cose del mondo. Distanziandosi da sé l'uomo può vedere se stesso e la propria situazione nel cosmo, tale distanza da sé chiamata "coscienza" è sinonimo di lacerazione. Insanabile frattura che rimane anche dopo una compiuta autoriflessione. L'uomo è tale frattura, centro dell'ininterotta mediazione tra esterno e interno. Proprio in questa instabile posizione, egli deve condurre la propria esistenza, cercando una pur paradossale unità. Una condizione umana come perenne inquietudine incertezza insicurezza che caratterizza sopratutto l'uomo del xx secolo.

 Da qui la serie di opere e progetti espositivi Viaggio - Attesa - Passa il tempo - Famiglia - Solitudini - Il corpo: seduzione e involucro a tempo - L'io fisico ed il sè-io- L'uomo e la sua terra- L'uomo moderno...