• Il tuo lavoro ha una contemporaneità che richiama non visioni storiche o analisi critiche, ma una lettura neuroscientifica con neuroni specchio dalla velocità di approccio superiore ai tempi di una estetica tradizionale. I lavori interessanti che ho visto non hanno rilevanza storica, non seguono una logica deduttiva, ma hanno un carattere fenomenico mediato dalla coscienza. É tutta un'altra storia!  Nerio Rosa
  • Incisione. Dedicata e appassionata ad argomenti e settori così importanti, preziosi. In un tempo così dinamico che tutto consuma e divora, il tuo occhio attento consegna, e custodisce, la memoria di luoghi e di simboli, di un altrove che sembra diventare lontano, e di cui ne sigilli invece il valore e la ragione del sempre. D. Giaco
  • Daniela Savini è capace di mettere in campo nelle sue opere tutte queste domande ponendo l’uomo nudo di fronte a se stesso e al suo difficile percorso di vita. E’ una giovane testimone del suo tempo, un’età in cui sono poche le certezze, molti gli interrogativi e rare le risposte.   R. Fiorini

  • Savini, che è pittrice per eccellenza della più grande crisi d’identità che abbia mai afflitto i due sessi come nell’epoca attuale; tratteggia la sua visione di un mondo che riflette la crisi dell’uomo e della donna, non più in sintonia con i valori della tradizione e nel contempo non completamente sicuri dei nuovi valori che li vedono cambiati, ma ancora non in possesso della loro nuova identità come questa si prospetta nel giungere dei tempi nuovi.  R. Mascialino

  • Artista dall’attualissima e per certi versi anche audace visione del mondo. I suoi dipinti riflettono una visione del mondo articolata e profonda, ricca di fini risvolti simbolici.  Importante tra le ulteriori prospettive artistiche presenti nella sua produzione sono la sua visione sia dell’uomo attuale la cui crisi di valori identitari essa esprime nelle sue tele raffigurando un uomo non più sicuro di sé come un tempo, sia della donna attuale che acquisisce anch’essa nell’opera della Savini  tratti psicologici non più totalmente in linea con il suo passato tradizionale.  R. Mascialino

Collettiva Stampa d'arte: tecniche e linguaggi, Ca’ la Ghironda – Spazio Atelier (BO)

Domenica 25 febbraio 2018 alle ore 17.00 a Ca’ la Ghironda (BO) presso lo Spazio Atelier, Locandina mostra ALI Cà Ghironda
in contemporanea con l’inaugurazione (ore 16.00) della mostra Rembrandt - Incisioni
si inaugura la collettiva degli artisti dell’ALI dal titolo “La Stampa d’arte: Tecniche e linguaggi”.
La mostra, proposta una sola volta al pubblico nel 2016 presso l’Aula Magna del Liceo Artistico Toschi di Parma, comprende 48 opere, di altrettanti artisti che documentano i linguaggi e le varie tecniche delle stampe originali contemporanee. Essa sarà anche il focus per la realizzazione di laboratori didattici aperti alle scuole e alle famiglie. Ai laboratori didattici, legati alla mostra di Rembrandt-Incisioni, parteciperanno inoltre artisti incisori, appartenenti all’ALI che proporranno delle performance sull’incisione originale calcografica e xilografica. Per le dimostrazioni di stampa calcografica verrà utilizzato un torchio Bendini presente in esposizione nello Spazio-Atelier.
La mostra, patrocinata dal Comune di Zola Predosa (Assessorato alla Cultura) e dalla Fondazione di Ca’ la Ghironda, avrà luogo fino al 2 aprile 2018.

In esposizione opere originali di:
Maria Agata Amato, Mario Benedetto, Maurizio Boiani, Fabrizio Bombino, Isabella Branella, Aldo Burattoni, Ezio Camorani, Stefano Ciaponi, Emilio Contini, Maria Corte, Nino Crociani, Sonia De Franceschi, Valeria Di Tommaso, Pilar Dominguez, Franco Donati, Gianni Favaro, Anna Ferrarini, Francesco Geronazzo, Roberta Giovannini, Stefano Grasselli, Paolo Graziani, Ugo Grazzini, Sandro Guizzardi, Fulvio Ioan, Pietro Lenzini, Arianna Loscialpo, Giovanni Mambelli, Raffaello Margheri, Silvana Martignoni, Enrica Melotti, Maurizio Muolo, Roberta Pancera, Graziella Paolini Parlagreco, Toni Pecoraro, Nicholas Perra, Nella Piantà, Luisa Porporato, Agim Sako, Liliana Santandrea, Daniela Savini, Barbara Scacchetti, Severino Spazzini, Laura Stor, Annamaria Stanghellini, Michele Stragliati, Tiziana Talamini, Elisa Tobia, Roberto Tonelli.

Ca’ la Ghironda – Spazio Atelier Via Leonardo da Vinci 19 – Ponte Ronca di Zola Predosa (Bo)
Visite: Dal martedì alla domenica 10.00-12.00 / 15.00-18.00
gli altri giorni, visite alla mostra, previo appuntamento (lunedì chiuso)
eccetto
Inaugurazione: Domenica 25 febbraio 2018 – ore 17.00